Versamenti I.M.U. Residenti Esteri

Ultima modifica 2 settembre 2021
I contribuenti non residenti nel territorio dello Stato devono versare l’imposta municipale propria (IMU), calcolata seguendo le disposizioni generali illustrate nella circolare del Ministero dell'Economia e delle Finanze n. 3/DF del 18 maggio 2012, e seguendo le modalità indicate nel paragrafo 10 della stessa circolare (modello F24).
 
Nel caso in cui non sia possibile utilizzare il modello F24 per effettuare i versamenti IMU dall’estero, occorre provvedere nei modi seguenti:
 
  • per la quota spettante al Comune: effettuare un bonifico in favore del conto corrente intestato al Comune di Settimo Torinese, utilizzando il codice IBAN IT59I 02008 31039 000004609369, presso Agenzia Unicredit;
  • per la quota riservata allo Stato: effettuare un bonifico in favore della Banca d’Italia (codice BIC BITAITRRENT), utilizzando il codice IBAN IT02G0100003245348006108000.
La copia di entrambe le operazioni deve essere inoltrata al Comune (Servizio Tributi) per i successivi controlli.
 
Come causale dei versamenti devono essere indicati:
  • il codice fiscale o la partita IVA del contribuente o, in mancanza, il codice di identificazione fiscale rilasciato dallo Stato estero di residenza, se posseduto;
  • la sigla “IMU”, il nome del Comune ove sono ubicati gli immobili e i relativi codici tributo indicati nella risoluzione dell’Agenzia delle entrate n. 35/E del 12 aprile 2012;
  • l’annualità di riferimento;
  • l’indicazione “Acconto” o “Saldo” nel caso di pagamento in due rate. Se il contribuente, per l’abitazione principale, sceglie di pagare l’IMU in tre rate deve indicare se si tratta di “Prima rata”, “Seconda rata” o “Saldo”.